Studio Saparo

© 2007 - 2017 Studio Saparo - Paolo Zanoli  - PI 09308390013 - tutti i diritti riservati  

Studio Saparo non utilizza alcun tipo di cookie. Google e Microsoft utilizzano propri cookie di statistica e navigazione  

LINK DIRETTI

Home

Studio Saparo
Villar Dora TO

ultimi aggiornamenti
 il 16/09/2017

Detrazioni fiscali

Conto Termico

Energetica

Approfondimenti normativi

obiettivi e caratteristiche del sito

credits

termini d’uso e limitazione di responsabilità

Contabilizzazione del calore


APPROFONDIMENTI NORMATIVI


Attestati di Prestazione Energetica - APE

Corte di Cassazione - Sentenza 16644 del 10/03/2017

Riconosciuto al venditore il reato di truffa contrattuale in caso di vendita di immobile con classe energetica difforme a quella dichiarata nell’APE


LA SENTENZA , LE CONSEGUENZE GIURIDICHE E PRATICHE

La sentenza della Sezione 2 Penale delle Corte di Cassazione 16644 del 10/03/2017 non solo influenzerà la giurisprudenza nazionale, ma educherà a maggiore prudenza nei confronti degli attestati di prestazione energetica (APE).

Si ha notizia di molti procedimenti intentati da compratori di immobili che contestano i dati riportati nell’attestato. Lamentano un vizio che ne diminuisce sensibilmente il valore. Pretendono quindi un risarcimento se non l’annullamento del contratto di vendita.

Qui abbiamo un caso in cui la Corte rileva il reato di truffa contrattuale da parte del venditore. Indipendentemente dalla responsabilità del tecnico certificatore.

Il comportamento illegale del venditore è basato sul principio che “non poteva non sapere” ovvero, come scritto nella sentenza "non poteva sfuggire che...".

È possibile immaginare che il principio con cui la Corte ha giudicato possa estendersi dal caso in questione (vedere sentenza) a molte altre situazioni purtroppo frequenti.

E’ definitivamente stabilito che quando i dati esposti nell’APE rappresentino caratteristiche edili ed impiantistiche energeticamente molto migliori di quelle reali, il venditore ha delle responsabilità.

Egli non può difendersi affermando di aver affidato al professionista il compito di redigere l’APE e di essere tecnicamente incompetente in materia.

Egli deve assicurarsi che il professionista rediga l’APE disponendo di informazioni aggiornate e complete. Aggiungiamo che deve anche selezionare il professionista con avvedutezza. Se quello prescelto avesse agito con la dovuta competenza e correttezza, il caso non sarebbe esistito.


LA QUALITÀ DEGLI APE

Il problema oggetto della recente sentenza ha soprattutto origine nella scarsa qualità che caratterizza molti attestati.

Basta scrivere oggi su Google “certificazione APE” o qualcosa di simile che si trovano proposte a € 45, € 49, € 90. Non si può escludere a priori che si tratti di APE precise ed affidabili. Nel dubbio, al venditore è richiesta una verifica, un comportamento prudente, corresponsabile.

Nel “Prontuario alla gestione degli APE” (Paolo Zanoli - Edizioni Maggioli) leggiamo quanto segue.

Si può affermare che la classe energetica ed i dati energetici contenuti nelle attestazioni energetiche (ACE e APE) sono spesso poco affidabili. Questa è la percezione comune di chi opera nel settore.

- Si nota che nessuno o ben pochi, istituzioni comprese, comunicano di essere particolarmente preoccupati di questo fatto.

- Le ragioni del fenomeno sono probabilmente motivate dal fatto che:

- Inoltre:


 I RISCHI DEL VENDITORE O DEL LOCATORE IN CASO DI APE IMPRECISO O FALSO

Nel “Prontuario alla gestione degli APE” (Paolo Zanoli - Edizioni Maggioli)  è inoltre sviluppato questo argomento. In particolare tratta circa l'APE quale garanzia dell’immobile venduto e su come tutelarsi dai rischi derivanti da attestati tecnicamente inaccurati.

L’AFFIDABILITA’ DEL TECNICO CERTIFICATORE

Sempre nel “Prontuario alla gestione degli APE” (Paolo Zanoli - Edizioni Maggioli) sono forniti molti spunti per selezionare un tecnico certificatore affidabile. In particolare sono descritti modalità con le quali si può valutare la sua:

- conoscenza tecnica,

- esperienza lavorativa,

- correttezza professionale;

attraverso, per esempio, l’etica professionale, la competenza, la formazione.

E’ anche importante saper valutare la correttezza dell’approccio tecnico verso l’incarico e l’adeguatezza della tariffa.

Infine occorre tutelarsi, per evitare futuri problemi, come quelli nel caso oggetto della sentenza, formalizzando l’incarico al tecnico (nel prontuario vi è un modello di esempio) dove siano specificate chiaramente le sue responsabilità.


Elaborazione
Attestati Energetici
APE

secondo la normativa
Regione Piemonte


Attestato di Prestazione
Energetica
APE

FAQ Regione Piemonte

Aggiornate alla normativa in vigore dall’1 ottobre 2015


Attestato di Prestazione Energetica
APE

Regione Piemonte

la pagina del sito della Regione Piemonte dedicata all’energia
 (non molto aggiornata)


Casi in cui necessita l’Attestato di
Prestazione Energetica
APE

Secondo la normativa di Stato e della Regione Piemonte



Edifici esclusi dall’obbligo di Attestati di
Prestazione Energetica
APE

Secondo la normativa di Stato e della Regione Piemonte



“Prontuario per la gestione
degli APE”
e-book redatto da  
Paolo Zanoli (Studio Saparo) e
pubblicato da
Maggioli Editore

Guida pratica, organica, completa e rigorosa  per coloro che frequentemente hanno la necessità di gestire casi o problematiche relative agli APE.  Download € 11.90.



Sanzioni per inadempienze
relative a
l’ Attestato di Prestazione  Energetica APE


Secondo la normativa di Stato e della Regione Piemonte



La validità temporale e formale dell’Attestato di Prestazione  Energetica
APE

Secondo la normativa di Stato e della Regione Piemonte



Attestati di
Qualificazione Energetica
AQE


Secondo la normativa di Stato e della Regione Piemonte



pagina aggiornata il 8-5-2016