Studio Saparo

© 2007 - 2017 Studio Saparo - Paolo Zanoli  - PI 09308390013 - tutti i diritti riservati  

Studio Saparo non utilizza alcun tipo di cookie. Google e Microsoft utilizzano propri cookie di statistica e navigazione  

LINK DIRETTI

Home

Studio Saparo
Villar Dora TO

ultimi aggiornamenti
 il 16/09/2017

Detrazioni fiscali

Conto Termico

Energetica

Approfondimenti normativi

obiettivi e caratteristiche del sito

credits

termini d’uso e limitazione di responsabilità

Contabilizzazione del calore


APPROFONDIMENTI NORMATIVI


Detrazioni 50%

Acquisto mobili e grandi elettrodomestici

contestuali ad installazione caldaia


Nella edizione dell’15 maggio 2017 ed in precedenza l’11 aprile 2016, Fisco Oggi (rivista online dell’Agenzia delle Entrate) si è occupata del caso.  Si riporta di seguito quanto si legge nella pubblicazione più recente.

Si anticipa che secondo Studio Saparo è importante considerare anche la normativa edilizia che impone, in caso di manutenzione straordinaria, una comunicazione asseverata da depositare presso il comune di competenza, cioè una comunicazione redatta e sottoscritta da un professionista.


Domanda: la sostituzione della caldaia consente di beneficiare del bonus arredi?


Risposta. A favore dei contribuenti che fruiscono della detrazione per gli interventi di recupero del patrimonio edilizio (articolo 16-bis, Tuir), è riconosciuta una detrazione per le spese sostenute dal 6 giugno 2013 per l’acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici di classe non inferiore alla A+, nonché A per i forni, finalizzati all’arredo dell’immobile oggetto di recupero (articolo 16, comma 2, Dl 63/2013).

La detrazione è stata da ultimo prorogata al 31 dicembre 2017.

Gli interventi di recupero del patrimonio edilizio, ammessi alla detrazione del 36% (attualmente 50%), costituiscono presupposto per l’accesso al “bonus mobili” qualora si configurino quanto meno come interventi di manutenzione straordinaria ove eseguiti su singole unità immobiliari abitative.

Con riguardo agli interventi finalizzati al risparmio energetico (articolo 16-bis, comma 1, lettera h, Tuir), gli interventi che utilizzano fonti rinnovabili di energia sono riconducibili alla manutenzione straordinaria per espressa previsione normativa (cfr articolo 123, comma 1, Dpr 380/2001), mentre, negli altri casi, dovrà esserne valutata la riconducibilità alla manutenzione straordinaria, tendendo conto che gli interventi sugli impianti tecnologici diretti a sostituirne componenti essenziali con altri che consentono di ottenere risparmi energetici rispetto alla situazione preesistente, rispondono al criterio dell’innovazione e sono tendenzialmente riconducibili alla manutenzione straordinaria. Pertanto, la sostituzione della caldaia, in quanto intervento diretto a sostituire una componente essenziale dell’impianto di riscaldamento e come tale qualificabile intervento di “manutenzione straordinaria”, consente l’accesso al bonus mobili, in presenza di risparmi energetici conseguiti rispetto alla situazione preesistente.

Non rileva a tal fine il fatto che tale intervento sia riconducibile anche nell’ambito della lettera h) del citato articolo 16-bis (circolare 3/E del 2 marzo 2016, paragrafo 1.5).


Come indicato precedentemente la risposta omette particolari importanti.


1 - La legge 380-2001 (Testo Unico Edilizia) all’art. 6.4 afferma:

limitatamente agli interventi di cui al comma 2, lettere a) (cioè gli interventi manutenzione straordinaria)…  l'interessato trasmette all'amministrazione comunale l'elaborato progettuale e la comunicazione di inizio dei lavori asseverata da un tecnico abilitato, il quale attesta, sotto la propria responsabilità, che i lavori sono conformi agli strumenti urbanistici approvati e ai regolamenti edilizi vigenti, nonché che sono compatibili con la normativa in materia sismica e con quella sul rendimento energetico nell'edilizia e che non vi è interessamento delle parti strutturali dell'edificio; la comunicazione contiene, altresì, i dati identificativi dell'impresa alla quale si intende affidare la realizzazione dei lavori.


2 - Gli interventi, per beneficiare delle detrazioni, devono essere eseguiti nel rispetto di tutte le normative del caso, tra cui quella edilizia.

- L’intervento di sostituzione di una caldaia, di qualunque tipo e qualunque potenza, è normalmente definito di manutenzione ordinaria. Come intervento di manutenzione ordinaria non è necessaria nessuna comunicazione al comune di competenza.

- Se si condividono le forzate speculazioni interpretative dell’Agenzia e lo si ritiene intervento di manutenzione straordinaria (al fine di poter detrarre arredi o elettrodomestici), occorre  adempiere agli obblighi di cui al punto 1.


3 - E’ uso da parte dei funzionari dell’Agenzia definire se un intervento è classificabile come manutenzione straordinaria (cioè se può godere delle detrazioni 50%) non tanto interpretando le generiche definizioni del suddetto Testo Unico, ma constatando l’esistenza della documentazione di cui al punto 1 (vedere Provvedimento del Direttore AdE 2011/149646).


4 - Per quanto sopra, al contribuente che sostiene di avere diritto alla detrazione per l’acquisto di mobili o grandi elettrodomestici, può essere richiesto dall’Agenzia di esibire quanto al punto 1. Se non ne fosse in possesso, non si può escludere una contestazione per detrazioni indebite.


Studio Saparo consiglia di detrarre le spese di mobili e grandi elettrodomestici solo se si è in possesso della documentazione al punto 1.


Servizi per consulenti fiscali su
agevolazioni per interventi edilizi e impiantistici

servizi flessibili e scalabili per CAF, commercialisti ed altri consulenti fiscali


Pianificazione e gestione agevolazioni
in interventi edilizi e impiantistici  complessi

ottenimento del massimo vantaggio dalle agevolazioni disponibili


Cumulabilità delle agevolazioni


schema delle norme che
regolano la cumulabilità tra le agevolazioni


Tabella orientativa degli interventi edilizi ed impiantistici agevolati

schema delle detrazioni
fiscali e delle altre
incentivazioni statali o
regionali vigenti



Agenzia delle Entrate
Guida
bonus mobili e elettrodomestici 50%

Ristrutturazioni edilizie:
le agevolazioni fiscali


Agenzia delle Entrate
Guida
alle detrazioni 50%

Ristrutturazioni edilizie:
le agevolazioni fiscali


pagina aggiornata il 8-8-2017