Studio Saparo

© 2007 - 2017 Studio Saparo - Paolo Zanoli  - PI 09308390013 - tutti i diritti riservati  

Studio Saparo non utilizza alcun tipo di cookie. Google e Microsoft utilizzano propri cookie di statistica e navigazione  

LINK DIRETTI

Home

Studio Saparo
Villar Dora TO

ultimi aggiornamenti
 il 16/09/2017

Detrazioni fiscali

Conto Termico

Energetica

Approfondimenti normativi

obiettivi e caratteristiche del sito

credits

termini d’uso e limitazione di responsabilità

Contabilizzazione del calore















 















































































































AGEVOLAZIONI PER RISPARMIO ENERGETICO

DETRAZIONI  65%

Schema delle caratteristiche più importanti


Oggetto

Info

Note

Legge istitutiva

Legge 296/2006

Prorogate le scadenze di anno in anno da altre leggi.

Spesso si fa riferimento al DM 63-2013 / L. 90-2013

Principali norme attuative

DM  19/2/2007; DM  11-3-2008;

DM 26-1-2010

Molta prassi definita dall’Agenzia delle Entrate tramite Provvedimenti, Circolari e Risoluzioni

Evoluzione normativa

Intervenute molte variazioni sulla tipologia degli interventi, sulla loro documentazione e sulla rateizzazione delle detrazioni

Tipo di agevolazione

Detrazione da imposte IRPEF o IRES del 65% delle spese sostenute per l’intervento, IVA inclusa.

L’importo totale della detrazione si suddivide in dieci quote uguali da detrarre annualmente

L’importo totale della detrazione non può superare un massimo (da € 30.000 a € 100.000) per intervento e per anno) definito a seconda dell’intervento.


Alcuni tipi di interventi condominiali sono detraibili al 70% e 80%

Cumulabilità con altre agevolazioni pubbliche

Con contributi in conto interesse o fondi garanzia o fondi a rotazione

In particolare se un intervento è agevolato con detrazioni 65% non è agevolabile anche con detrazioni 50% (e viceversa)  o con gli incentivi Conto Termico (e viceversa)

Beneficiari

Tutti coloro che possono detrarre da imposte IRPEF o IRES ovvero le persone fisiche e le persone giuridiche private.

Non possibile di conseguenza l’agevolazione per spese sostenute dalla Pubblica Amministrazione

Beneficiano tutti coloro che hanno sostenuto le spese se sono i possessori od i detentori (affittuari o comodatari) od i loro parenti prossimi conviventi.

I beneficiari possono anche essere società con delle eccezioni relative alle società immobiliari

Immobili ammessi

Immobili esistenti (non ammessi nuovi edifici in costruzione) di tutte le categorie catastali

Per quasi tutti gli interventi gli edifici devono già possedere un impianto termico

Adempimenti precedenti l’intervento

Nessuno

Devono essere rispettati, quando necessari, gli adempimenti relativi alla normativa edilizia

Adempimenti a fine intervento

Invio ad ENEA entro 90 gg., tramite sito dedicato, di informazioni relative al beneficiario, all’immobile, all’intervento ed alla spesa


Modalità di pagamento delle spese

Le persone fisiche devono effettuare i pagamenti tramite bonifico bancario o postale con procedura bancaria dedicata

La banca applica una ritenuta d’acconto al destinatario del pagamento

Documentazione necessaria redatta da professionisti

Alcuni interventi richiedono che la compilazione della comunicazione all’ENEA e/o altra documentazione tipo:

- attestato di prestazione, energetica

- asseverazione sulla conformità dell’intervento ai requisiti necessari per le detrazioni,

sia redatta da un professionista

vedere i singoli tipi di intervento

Documentazione di prodotti o dichiarazioni non necessariamente redatta da professionisti

Per alcuni interventi la documentazione può essere gestita direttamente dal contribuente (es. serramenti e caldaie a condensazione)

Documentazione amministrativa

Fatture e ricevute dei bonifici relativi alle spese effettuate


Elenco generale degli interventi ammessi

Riqualificazione energetica di un edificio.

Gli interventi devono essere tecnicamente conformi a norme specifiche. E’ richiesta caso per caso documentazione  attestante la conformità

Coibentazione di strutture (pareti, pavimenti, soffitti)

Sostituzione di serramenti

Sostituzione di impianto termico con impianti basati su caldaie a condensazione, geotermia a bassa entalpia e pompe di calore

Installazione generatori a biomasse

Sostituzione di scalda acqua con scalda acqua a pompa calore

Installazione di pannelli solari per produzione acqua calda

Installazioni di schermi solari

Sistemi multimediali di controllo a distanza impianti termici


Altre particolarità

In caso di cessione dell’immobile il beneficio è a favore del nuovo proprietario dell’immobile

Il beneficio può rimanere a chi ha sostenuto le spese con specifica disposizione apposta nell’atto di vendita

In caso di decesso del beneficiario le detrazioni non fruite passano all’erede

Nei periodi in cui l’erede non dispone dell’immobile (es. dato in locazione) le detrazioni sono sospese

I  condòmini non capienti (imposta a carico per redditi di lavoro dipendente o pensione non sufficiente per fruire delle detrazioni) possono cedere il beneficio al fornitore od altro privato consenziente

- Il caso è regolamentato

- Non è possibile cedere il credito a banche od altri intermediari fiscali.

- Il credito è  ulteriormente cedibile

Come per tutti gli interventi di recupero del patrimonio edilizio si può, entro i limiti di legge, applicare l’aliquota IVA agevolata del 10%

La normativa che disciplina l’imposta IVA prescinde da quella che regola le detrazione dall’imposta lorda del 55% - 65% o del 36% - 50%

Entro certi limiti è consentito correggere i documenti inoltrati ad ENEA

tipicamente il 30/9 dell’anno successivo alla fine dell’intervento

Entro certi limiti è consentito correggere dichiarazioni dei redditi che per errore o dimenticanza non riportassero detrazioni spettanti

non oltre il 30/9 dell’anno successivo a quello in cui dovevano essere dichiarate

Entro certi limiti e con pagamento di una sanzione, è consentito inviare i documenti ad ENEA dopo i 90 giorni.

non oltre il 30/9 successivo alla fine dell’intervento. La sanzione è di € 258.

Le detrazioni indebitamente dichiarate sono sanzionate dall’Agenzia dell’Entrate

L’Agenzia delle Entrate commina una sanzione e chiede la restituzione con gli interessi delle detrazioni indebitamente effettuate


Considerazioni di Studio Saparo

Sono detrazioni fiscali molto utilizzate ed abbastanza conosciute negli aspetti generali. Si utilizzano diffusamente per molti degli interventi ammessi.

Il lato negativo che accomuna le detrazioni 65% e 50% è la complessità normativa che si è sviluppata nel tempo. La legge istitutiva  aveva basato su pochi ed abbastanza chiari principi le regole per fruire delle agevolazioni.

Oggi invece risulta e continua ad aumentare un poderoso ed intricato  insieme   di modifiche, integrazioni e interpretazioni. Quest’ultime in particolare abbondano di minuziose precisazioni, limitazioni, casistiche, istruzioni, procedure, ecc.


Sorgono quindi concreti inconvenienti tra cui:

- la comprensibile poca conoscenza da parte di alcuni intermediari fiscali e talora anche di personale dell’Agenzia delle Entrate, di molte particolarità derivanti dalla miriade di dettagli normativi o di prassi;

- l’altrettanto comprensibile riluttanza dei suddetti intermediari, considerate le loro attuali responsabilità,  ad inserire, nelle dichiarazioni dei redditi dei contribuenti, detrazioni di cui dubitano la ammissibilità;

- la poco professionale soluzione,  sempre di alcuni dei suddetti, di non approfondire i casi ed evitare problemi semplicemente non inserendo, nelle dichiarazioni dei redditi dei contribuenti, detrazioni che talora sono assolutamente legittime.


pagina aggiornata il 26-2-2017


Pianificazione e gestione agevolazioni
in interventi edilizi e impiantistici  complessi

ottenimento del massimo vantaggio dalle agevolazioni disponibili


Servizi per consulenti fiscali su
agevolazioni per interventi edilizi e impiantistici

servizi flessibili e scalabili per CAF, commercialisti ed altri consulenti fiscali


Agenzia delle Entrate
Guida
alle detrazioni 65%

Le agevolazioni fiscali per il risparmio energetico


Agenzia delle Entrate
Le comunicazioni di
irregolarità

Le sanzioni in caso di detrazioni indebitamente dichiarate


Agenzia delle Entrate
Il ravvedimento


Info su come regolarizzare
detrazioni indebitamente
dichiarate


Agenzia delle Entrate
Le
dichiarazioni correttive ed integrative

Come recuperare le detrazioni
non dichiarate


Cumulabilità delle agevolazioni


schema delle norme che
regolano la cumulabilità tra le agevolazioni


Vademecum
ENEA

guida normativa e tecnica alle detrazioni 65%


ENEA
FAQ detrazioni 65%

LeFAQ predisposte da ENEA
riferimento per la facile comprensione delle detrazioni 65%



Norme generali per le detrazioni 50%
(ristrutturazioni edilizie)




Le detrazioni 50%
(ristrutturazioni edilizie)


informazioni generali ed
elenco degli interventi detraibili



Omessa pratica ENEA
(detrazioni 65%)


Termini e costi per regolarizzare la posizione


Gestione
Conto Termico 2.0

gestione completa
con assistenza
amministrativa e
normativa




Gestione
detrazioni
50%

gestione completa
assistenza amministrativa e
normativa


Gestione
incentivi
Regione Piemonte

gestione completa
bandi relativi a interventi
edilizi ed impiantistici
assistenza amministrativa e
normativa


Servizi per consulenti fiscali su
agevolazioni per interventi edilizi e impiantistici

servizi flessibili e scalabili per CAF, commercialisti ed altri intermediari fiscali


Gestione
detrazioni 65%
caldaie a condensazione

gestione delle pratiche
assistenza amministrativa
e normativa


Gestione
detrazioni 65%
caldaie a biomasse

gestione delle pratiche
assistenza amministrativa
e normativa


Gestione
detrazioni 65%


gestione delle pratiche
assistenza amministrativa e
normativa