Studio Saparo

© 2007 - 2017 Studio Saparo - Paolo Zanoli  - PI 09308390013 - tutti i diritti riservati  

Studio Saparo non utilizza alcun tipo di cookie. Google e Microsoft utilizzano propri cookie di statistica e navigazione  

LINK DIRETTI

Home

Studio Saparo
Villar Dora TO

ultimi aggiornamenti
 il 19/11/2017

Detrazioni fiscali

Conto Termico

Energetica

Approfondimenti normativi

obiettivi e caratteristiche del sito

credits

termini d’uso e limitazione di responsabilità

Contabilizzazione del calore


APPROFONDIMENTI NORMATIVI


Ricorso in commissione tributaria - Considerazioni



Se il contribuente ritiene illegittimo o infondato un atto emesso nei suoi confronti dall’Agenzia delle Entrate (ad esempio una cartella di pagamento), può rivolgersi alla Commissione Tributaria Provinciale per chiedere l’annullamento totale o parziale del provvedimento.


Premettiamo che il nostro Studio non è uno studio legale e non annovera tra i suoi collaboratori avvocati o giuristi.

Riteniamo invece che possano essere utili, a chi si trovasse tentato o consigliato a procedere contro l’Agenzia delle Entrate,  le considerazioni che seguono, frutto della nostra esperienza.


- Il ricorso può essere presentato senza dover ricorrere ad un difensore (tipicamente un avvocato od un dottore commercialista) per importi inferiori a € 3.000.


- Il procedimento prevede l’eventualità di tre gradi di giudizio: Commissione Provinciale, Commissione Regionale e Cassazione.


- L’itero iter può avere una durata di circa 2 - 3 anni al primo  livello, 2 anni al secondo livello, 4 - 5 anni in Cassazione (totale circa 8 - 10 anni). Questo tempo massimo ci risulterebbe sempre necessario nell’eventualità di una conclusione definitiva della vertenza a favore del ricorrente.


- Chi volesse procedere senza difensore deve essere consapevole che:

- tutto il procedimento, dal ricorso alle sentenze, si svolge secondo formalismi tutt’altro che intuitivi per chi non ha conoscenza delle procedure  civilistiche e delle consuetudini dei tribunali.

- è consigliabile avere un riferimento che sappia almeno inizialmente indirizzare. Banali errori formali possono anche pregiudicare l’esito del ricorso.

- l’intero procedimento, per i motivi sotto elencati, comporterà comunque un discreto impegno di tempo.


- Nella stragrande maggioranza dei casi le sentenze le Commissioni e la Cassazione decidono la compensazione delle spese. Questo significa che se anche la sentenze fossero pienamente in vostro favore, sarete sempre voi a pagare la parcella del vostro difensore.

Parcella che può sensibilmente lievitare per il motivo al punto seguente.


- A noi pare che qualora le sentenze fossero pienamente o parzialmente a favore del ricorrente, l’Agenzia delle Entrate ricorra sistematicamente al grado di giudizio superiore (*). Anche per importi relativamente bassi, fino in Cassazione. Questo ci risulta dalla nostra esperienza e da fonti confidenziali dell’Agenzia stessa.


In conclusione Studio Saparo invita quindi alla prudenza coloro che intendono intraprendere un ricorso alla Magistratura Tributaria.

Studio Saparo, per suo stile, non esprime commenti etici.



(*) questo è quanto a noi risulta per esperienza nella provincia di Torino. Possiamo sbagliare e siamo eventualmente pronti a smentire. Di fatto non si trovano, almeno nei recenti rapporti sul contenzioso tributario del MEF, statistiche immediate sulla propensione all’appello od al ricorso in Cassazione dell’Agenzia delle Entrate.









Pianificazione e gestione agevolazioni
in interventi edilizi e impiantistici  complessi

ottenimento del massimo vantaggio dalle agevolazioni disponibili


Servizi per consulenti fiscali su
agevolazioni per interventi edilizi e impiantistici

servizi flessibili e scalabili per CAF, commercialisti ed altri consulenti fiscali


Agenzia delle Entrate
Il ravvedimento


Info su come regolarizzare
detrazioni indebitamente
dichiarate


Agenzia delle Entrate
Le comunicazioni di
irregolarità


Le sanzioni in caso di detrazioni indebitamente dichiarate


Agenzia delle Entrate
Le dichiarazioni correttive ed integrative


Come recuperare le detrazioni
non dichiarate

pagina aggiornata il 4-6-2016